Seminari di recitazione 2018

Seminari di recitazione 2018

Seminari di recitazione del Faro – giugno/luglio 2018

Seminario di Recitazione Teatrale

“Creare nel buio”

Creare è come guardare nel buio. Prima non si vede nulla, poi la vista si abitua.

condotto da Manfredi Pedone

sabato 23 e domenica 24 giugno 2018
sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00

 

 Sono sempre stato affascinato dal buio. Uno spazio dalle infinite possibilità in cui tutto può ancora essere. Almeno finché gli occhi non si abituano e tutto diventa improvvisamente conosciuto alla mente e ordinario. Un po’ come accade nella messa in scena, dalla seconda replica in poi.

La vista è il senso più utilizzato tra quelli a nostra disposizione ma per l’attore – come per qualunque altro essere umano – rischia talvolta di diventare un fattore limitante tanto per la sua crescita quanto per la sua creatività. In questo seminario – ideato sia come momento di riflessione e crescita personale sia di indagine attoriale – ne indagheremo il perché e cercheremo di lavorare “bendati” (sia in senso fisico che metaforico) nel tentativo di esplorare e di creare “nel buio”.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Seminario di Recitazione Teatrale

“Scena vuota, pagina bianca: improvvisare per la scrittura”

Condotto da Giulia Donelli

 mercoledì 27 giugno e giovedì 28 giugno 2018

mercoledì 4 luglio e giovedì 5 luglio 2018

 dalle ore 19.30 alle ore 23.00
Avere un’idea da raccontare in scena ma non sapere da dove partire per produrre materiale scenico come attore, come autore e come attore-autore: la questione è questa.
La scena vuota ci offre migliaia di possibilità, ma noi abbiamo un solo obiettivo da raggiungere: dire quella cosa. Da dove si comincia? Che linguaggio uso che non siano quelli che conosco nel quotidiano (narrativa, giornalismo, poesia…)? Come collaborano un autore e gli attori per arrivare insieme a scrivere una scena?
Autori e registi hanno un gran bisogno degli attori per scrivere o creare perché il linguaggio teatrale è un linguaggio per azioni, per immagini, attivo, che solo pensato e scritto non regge. Va verificato, ma ancor meglio creato insieme agli attori. Se l’obiettivo è condiviso, a raccontare ci si arriva insieme.
Questo workshop si propone di fornire strumenti utili ad autori e attori alle prime armi con la scrittura drammaturgica e la creazione per la scena. Esercizi di drammaturgia attoriale, suggestioni, e tanta tanta improvvisazione guidata e non per capire che il mondo della drammaturgia non è statico ma attivo e che gli attori  sono, in qualche modo, l’inchiostro della nostra penna: creano e colorano.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————————–

 

Seminario di Recitazione Teatrale

POSTI ESAURITI

“Stare nel vuoto”

“Dobbiamo immaginare la nostra esistenza quanto più vasta possibile,

tutto, anche l’inaudito, deve trovarvi spazio.”

Condotto da Massimo Sabet e Umberto Terruso

da giovedì 6 a domenica 9 luglio 2017

giovedì e venerdì dalle 19.30 alle 22.30 – sabato dalle ore 10.30 alle 24.00 (veglia notturna) – domenica dalle 10.00 alle 16.00

Il seminario si dà come fine quello di lavorare sulla presenza scenica e sull’ascolto dell’attore. Attraverso esercizi d’improvvisazione (contact) si lavorerà sulla recitazione sul momento, sul ‘’qui ed ora’’. Si metterà da parte la razionalità e il giudizio per ascoltare, attraverso il corpo, la sfera più emotiva. Successivamente si aggiungerà il testo per esplorarlo dal suo interno ed arrivare così ad una recitazione sincera. Il seminario comprende anche il lavoro sulla ‘’veglia’’. Attraverso esercizi spirituali, nelle ore notturne, ognuno, a turno, avrà il compito e la responsabilità di vegliare sul riposo dell’intero gruppo. I partecipanti sono pregati di presentarsi al seminario con dieci righe a memoria tratte da Le città invisibili di Italo Calvino.

 

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppLinkedInDeliciousEmailCondividi